Home / Articoli cessione del quinto / Rinnovo cessione del quinto: come funziona e perchè è importante?

Rinnovo cessione del quinto: come funziona e perchè è importante?

Il rinnovo della cessione del quinto rappresenta la possibilità di estendere il contratto di prestito precedentemente stipulato. Inizialmente, la cessione del quinto viene concessa con un piano di rimborso che si estende per un periodo prefissato, solitamente 48 mesi per i dipendenti e fino a 120 mesi per i pensionati. 

Una volta che questo periodo giunge alla conclusione, può emergere la necessità di ulteriore liquidità o di una proroga del prestito. Il rinnovo consente al debitore di estendere la durata del piano di rimborso, questa opzione è particolarmente utile in situazioni in cui, nonostante la presenza di un debito in corso, si renda necessaria un’ulteriore erogazione di liquidità

Quali sono i requisiti per il rinnovo?

Il prerequisito fondamentale è aver già saldato almeno il 40% delle rate totali, a meno che il numero totale di rate non sia pari o inferiore a 60; in quest’ultimo caso, sarà consentito procedere con il rinnovo senza ulteriori attese. L’ approvazione del rinnovo dipenderà da vari fattori, tra cui il regolare pagamento delle rate e l’adeguatezza del debitore a ricevere un finanziamento aggiuntivo.

Da non confondere con la rinegoziazione della cessione del quinto di cui parliamo in un altro articolo.

I tempi di erogazione tendono ad essere più rapidi rispetto a quello di una nuova richiesta di cessione del quinto.

Il periodo necessario è principalmente determinato dal momento in cui il richiedente effettua la richiesta. Se la richiesta viene presentata dopo aver già estinto il 40% delle rate, il procedimento di valutazione da parte dell’istituto finanziario inizia subito, se il richiedente sceglie di avanzare la richiesta in anticipo, il procedimento di valutazione non potrà avviarsi prima di questo termine.

Una volta che la richiesta è stata ricevuta, l’istituto finanziario procede con la valutazione delle condizioni contrattuali esistenti, compresi i pagamenti regolari delle rate e l’eventuale capacità del debitore di ricevere un finanziamento aggiuntivo, le tempistiche in media corrispondono ad un periodo da 7 a 20 giorni circa.

Fai subito un preventivo!

Verde Nuvola - Partner ufficiale

Rinnovo cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi?

Il rifiuto può dipendere da diversi motivi, ed è importante comprendere le ragioni dietro tale decisione. Ecco alcuni motivi:

  • Cambiamenti nelle condizioni finanziarie del debitore: se il debitore ha subito cambiamenti significativi nelle proprie condizioni finanziarie, ad esempio, una riduzione del reddito o l’insorgere di nuovi debiti, l’istituto di credito potrebbe considerare queste variazioni come un rischio aggiuntivo e decidere di non rinnovare la cessione.
  • Problemi con i pagamenti precedenti: se il debitore ha avuto ritardi nei pagamenti delle rate o ha avuto difficoltà nell’adempiere agli obblighi finanziari precedentemente concordati, l’istituto di credito potrebbe rifiutare il rinnovo.
  • Assenza o incompletezza della documentazione richiesta: è di massima importanza fornire tutta la documentazione richiesta, soprattutto in fase di rinnovo o cambiamento delle condizioni.

In caso di rifiuto, è consigliabile comunicare direttamente con l’istituto di credito per comprendere i motivi specifici e valutare eventuali soluzioni o alternative possibili.

Rinnovo cessione del quinto: normativa e documenti

Vediamo quali sono le principali documentazioni necessarie per il rinnovo:

  • Documento d’identità: un valido documento d’identità è essenziale per verificare l’identità del richiedente.
  • Codice fiscale: il codice fiscale è richiesto per motivi fiscali e amministrativi.
  • Documento di reddito: è possibile che l’istituto di credito richieda documentazione che attesti il reddito del richiedente, come una busta paga o un certificato di reddito.
  • Documenti contrattuali precedenti: è probabile che vengano richiesti i documenti relativi al contratto di cessione del quinto in corso. 
  • Certificazione dell’ ente datore di lavoro (nel caso di lavoratori dipendenti): un certificato rilasciato dal datore di lavoro può essere richiesto per confermare il rapporto di lavoro e il reddito.

Rispettare la normativa e presentare una documentazione completa e accurata è fondamentale per facilitare il processo.

Quando posso rinnovare la cessione del quinto?

Un requisito indispensabile per poter procedere al rinnovo è quello di aver già rimborsato almeno il 40% delle rate complessive, prima di questo periodo ogni richiesta di rinnovo sarà probabilmente respinta, oltre questo termine è sempre possibile procedere con la richiesta.

Rinnovo cessione del quinto prima dei 48 mesi

Il rinnovo della cessione del quinto prima dei 48 mesi (4 anni)  può essere possibile in alcune situazioni particolari. Questo tipo di procedura si basa sulla scelta di una durata di rimborso inferiore ai 120 mesi, ma superiore a 60 rate. 

Se si transita da una cessione del quinto quinquennale (con un range da 24 a 60 rate) a una decennale (oltre le 60 e fino a 120 rate), è possibile richiedere il rinnovo in qualsiasi momento, senza tener conto del criterio del 40% già rimborsato.

Esempio: se si opta per una durata di 100 mensilità, applicando il criterio del 40%, si raggiunge un totale di 40 rate, equivalenti a tre anni e quattro mesi. Pertanto, anziché concentrarsi sul numero totale delle rate, si considera il principio del 40% già rimborsato.

cessione del quinto e tfr

Rinnovo cessione del quinto decennale

Anche per la cessione decennale vale il principio del saldo del 40% del debito. Questo principio rappresenta un criterio fondamentale, indicando che una percentuale significativa del prestito è stata onorata. 

Questo meccanismo offre una via per ottenere ulteriori liquidità o estendere il finanziamento esistente, dando al beneficiario la possibilità di ristrutturare le condizioni del prestito. Rinnovare la cessione del quinto è una pratica che, quando ben gestita, può offrire flessibilità finanziaria e adattarsi alle esigenze mutevoli del richiedente. 

Fai subito un preventivo!

Verde Nuvola - Partner ufficiale

Rinnovo cessione del quinto pensionati come funziona?

Il rinnovo della cessione del quinto per i pensionati segue le stesse procedure precedentemente illustrate: si può ottenere solo se sono trascorsi almeno i primi 2/5 del piano di ammortamento originario, ossia il 40% del finanziamento. Tale regola si applica senza deroghe in caso di dilazione superiore ai 60 mesi (5 anni) e fino a 120 mesi (10 anni).Condizioni del Rinnovo:

Le condizioni del rinnovo, come tassi di interesse e piani di rimborso, saranno nuovamente negoziate. I dettagli del rinnovo devono essere chiari e concordati tra le parti.

Documentazione: potrebbe essere richiesta nuova documentazione o l’aggiornamento di documenti esistenti durante il processo di rinnovo.

È essenziale notare che queste sono linee guida generali e che le specifiche normative possono variare notevolmente da un istituto ad un altro.

Rinnovo cessione del quinto in presenza di pignoramento e delega

In presenza di pignoramento e delega può presentare alcune complicazioni e richiedere attenzione particolare. 

Pignoramento Preesistente:

  • Nel caso in cui ci sia un pignoramento in corso sullo stipendio o sulla pensione del richiedente, Il nuovo piano di rimborso deve tener conto degli impegni finanziari già esistenti e deve essere concordato con gli enti pignoranti. 
  • La normativa stabilisce che, se ci sono già procedimenti di sequestro o pignoramento in corso, la cessione può essere rinnovata solo a condizione che la somma della nuova ritenuta mensile e del pignoramento non ecceda i due quinti dello stipendio o della pensione mensili al netto delle ritenute fiscali. 
  • Possiamo affermare che la combinazione delle quote destinate alla cessione del quinto e al pignoramento non può superare il 40% dello stipendio o della pensione mensili netti. Inoltre, ciascuna delle due quote non può superare il 20% dello stipendio o della pensione mensili netti. Questi limiti precisi sono stabiliti dalla legge italiana, in particolare all’articolo 68 del DPR 5 gennaio 1950 n. 180.

Delega di Pagamento:

  • In presenza di una delega di pagamento, la sua continuazione e il suo impatto sul nuovo contratto devono essere valutati attentamente. La delega potrebbe influire sulla porzione di stipendio o pensione disponibile per la cessione del quinto. 
  • Tuttavia può essere richiesta rispettando dei limiti temporali che sono:
  • Per le durate del piano di ammortamento originali inferiori alle 60 rate (cinque anni), il rinnovo può essere richiesto in qualsiasi momento, anche solo dopo il pagamento di una rata, purché si accetti come nuovo piano di ammortamento uno di durata pari alle 120 rate (decennale);
  • Per le durate del piano di ammortamento originale superiori alle 60 rate, si può richiedere il rinnovo prima della scadenza solo nel momento in cui sono state pagate le rate pari ai due quinti (40%) di quelle che compongono il piano di ammortamento.

Accordo tra Cessionario e Delegatario:

  • Gli accordi esistenti tra il cessionario (l’ente creditizio) e il delegatario (l’ente a cui è stata delegata la riscossione) devono essere presi in considerazione.

Valutazione della Solvibilità:

  • In presenza di pignoramento e delega, la valutazione della solvibilità del richiedente diventa ancora più critica. L’istituto di credito deve assicurarsi che il richiedente abbia la capacità finanziaria di onorare i nuovi impegni, considerando gli oneri già esistenti.

Modifica delle Condizioni:

  • Il rinnovo della cessione del quinto potrebbe comportare la modifica delle condizioni contrattuali, compresi i tassi di interesse e i piani di rimborso. È importante che tutte le modifiche siano chiaramente concordate e documentate.

Rischio di Rifiuto:

  • La presenza di pignoramento e delega può aumentare il rischio di rifiuto per il rinnovo da parte dell’ente creditizio. I creditori potrebbero essere riluttanti a concedere ulteriori finanziamenti se ritengono che ciò possa compromettere il recupero dei loro crediti.
prestito ipotecario

Fai subito un preventivo!

Verde Nuvola - Partner ufficiale